Cartellone 70/30

/Cartellone 70/30

“Mal Bianco” liberamente tratto da “Cecità” di J. Saramago

2018-05-08T10:24:37+00:00

CONVITTO 33 PRESENTA MAL BIANCO Dal Romanzo “Cecità” di J.Saramago Adattamento e Regia ALESSANDRO ROMANO & nbsp; CON ALESSANDRO ROMANO CORRADO BONUOMO KETTY DENARO GIOVANNI PELIGRA ALESSANDRA PITINO PAMELA VINDIGNI ASSISTENTE ALLA REGIA  TERESA LOMBARDO DISEGNO LUCI ANDREA IOZZIA FOTO DI SCENA GIUSEPPE PITINO Mal bianco è un libero adattamento teatrale dal romanzo Cecità di J.Saramago. In un tempo e in un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le vittime colpite dall’epidemia vengono rinchiuse in un ex [...]

“Mal Bianco” liberamente tratto da “Cecità” di J. Saramago 2018-05-08T10:24:37+00:00

“La Famigli M.”

2018-05-08T15:54:54+00:00

LA FAMIGLIA M. testo e regia di Orazio Condorelli con Anna Galba, Margherita Bonomo, Peppe Macauda, Antonio Ruello, Salvatore Giannì. luci Simone Fini produzione Santa Briganti La Famiglia M. è un grande luogo comune, i rapporti sono fissati da schemi precostituiti che nessuno può rompere. Qui tutto è plastificato, apparentemente immobile. Ogni giorno si ripete uguale al giorno prima tra ipocrisia e sentimenti autentici che quando riescono a venir fuori cambiano (finalmente) l'ordine delle cose, così sfogliando l'album di famiglia ci si accorge che nel tempo qualcosa è cambiato

“La Famigli M.” 2018-05-08T15:54:54+00:00

“Di Concetta e le sue Donne” dal romanzo di Maria Attanasio

2018-05-08T15:55:20+00:00

SULLO SPETTACOLO Racconto di passioni pubbliche e private, di memoria personale e collettiva che attraversa la Storia del secondo ‘900 restituendola attraverso la cifra del vissuto e delle emozioni individuali; una tessitura in cui la musica si fa voce poetica, respiro e spinta vitale della narrazione. La storia vera di Concetta La Ferla, indomita e appassionata militante; della sua lotta per l’emancipazione delle donne siciliane e per la costituzione della prima sezione femminile del PCI in Italia; delle sue passioni; del suo sogno mai sopito di giustizia e libertà; del binomio irriducibile – e purtroppo sempre attuale - tra la politica [...]

“Di Concetta e le sue Donne” dal romanzo di Maria Attanasio 2018-05-08T15:55:20+00:00

“Medea a Majara” liberamente tratto da Medea di Euripide

2018-05-08T10:07:08+00:00

Un tema difficile, riletto mille volte perchè archetipo eterno di ogni donna mistificata, umiliata, usata dalle logiche fredde del potere e della convenienza. Ma questa Medea majara è realmente una Medea inedita. Un lavoro che sceglie la forma della narrazione popolare del Cunto accompagnata dall'ispirazione dei testi contemporanei di Christa Wolf e Corrado Alvaro Medea freschissima, ancora giovane,decide di determinare il proprio destino in quel viaggio spaesante che è l'affidarsi all'Altro, all'Eroe dell'incontro fatale, al Mare che per ogni migrante ha una sponda sconosciuta, troppo spesso ostile e devastante. "Speranza i ravanti, la terra  i rarrieri, lu scantu a lu latu [...]

“Medea a Majara” liberamente tratto da Medea di Euripide 2018-05-08T10:07:08+00:00

“Mirandolina” liberamente ispirato a “La Locandiera” di Carlo Goldoni con Carmela Buffa Calleo

2018-05-08T10:04:46+00:00

MIRANDOLINA Liberamente ispirato a "La Locandiera" di Carlo Goldoni con Carmela Buffa Calleo Adattamento e Regia di Nicola Alberto Orofino Produzione Punto Improprio Note di regia Archetipo di donna forte, dominatrice, sicura, volitiva. Autenticamente donna di oggi. Eppure Mirandolina si mostra per la prima volta in scena nel lontano 1753, anno della prima rappresentazione de "La Locandiera" di Carlo Goldoni. Mirandolina è più che un archetipo, è stata e credo che continuerà ad essere l'esempio più alto di modello di emancipazione femminile. Ma tutto questo, grazie all'inconfondibile stile e alla strepitosa maestria teatrale del genio Goldoniano, diventa leggerezza, ironia, sagacia. Mirandolina appassiona, stupisce, incanta, insegna... [...]

“Mirandolina” liberamente ispirato a “La Locandiera” di Carlo Goldoni con Carmela Buffa Calleo 2018-05-08T10:04:46+00:00

“Capricci del ‘900”

2018-05-08T15:48:10+00:00

Capricci del ‘900 Testo e regia di Giuseppe Liotta Musiche originali del Maestro Roberto Tagliamacco, eseguite in scena da Sebastiano Moncata Interprete: Teresa Lorefice La vita come frammenti di vecchie memorie, storie concatenate e disperse in vari luoghi e nel tempo, finché Lucia non inizia a metterle in ordine ad una ad una e a ripercorrere quelle vicende familiari molto private sullo sfondo di alcuni momenti storici, culturali e sociali che hanno caratterizzato il ‘900 italiano, con sguardo obliquo, non stando al centro degli eventi  ma distante, a parte, come in un tragico, maledetto, o bellissimo riflesso.

“Capricci del ‘900” 2018-05-08T15:48:10+00:00